Sul grande web le piccole cose contano molto

giovedì 24 maggio 2018

Anno X n. 19



Don Luigi Pedrini Provicario della Diocesi di Pavia
Carissimi fedeli della Diocesi di Pavia,
Mons. Adriano Migliavacca, Vicario Generale della Diocesi, mi ha manifestato l’intenzione di lasciare il suo incarico, avvicinandosi il compimento dei suoi settantacinque anni; dopo un’informale consultazione dei sacerdoti della nostra Chiesa e dopo aver pregato e riflettuto, invocando con fiducia la luce dello Spirito e il dono del consiglio, sono arrivato a queste decisioni che desidero rendere note a tutti voi con questa mia lettera. Ritengo che il passaggio a un nuovo Vicario debba avvenire con un periodo iniziale di accompagnamento: pertanto, Mons. Adriano Migliavacca mantiene la sua responsabilità di Vicario Generale per i prossimi mesi, fino alla conclusione dell’anno 2018, mentre da lunedì 4 giugno p.v. sarà affiancato da Don Luigi Pedrini, in qualità di Provicario. Lo stesso Don Luigi Pedrini, con il 1° gennaio 2019, assumerà l’incarico di Vicario Generale, in sostituzione di Mons. Adriano.
Don Luigi Pedrini, nei mesi in cui svolgerà il servizio di Provicario, avrà un suo ufficio in Cancelleria, e sarà presente le mattine del martedì e del giovedì dalle 9.30 alle 12.30. Lo ringrazio fin da ora per la sua disponibilità, mentre rinnovo il mio ringraziamento al caro Don Adriano, non solo per il lungo e ricco servizio, svolto in questi anni, ma anche per la sua disponibilità ad accompagnare, per alcuni mesi, Don Luigi nell’assumere le delicate responsabilità, proprie del Vicario generale, primo collaboratore del Vescovo. Vi chiedo di accompagnare con la vostra preghiera questo tempo di passaggio che vive la nostra Diocesi, non facendo mancare la vostra fraterna vicinanza a Don Luigi che inizia una nuova tappa del suo ministero sacerdotale e a Don Adriano, che continuerà, dopo aver accompagnato questo periodo propedeutico, a essere una presenza disponibile per un servizio nella nostra Chiesa. Pregate anche per me, mentre di cuore vi benedico.
+ Corrado vescovo
Pavia, 20 maggio 2018, Solennità di Pentecoste



“Chiesa e società negli ultimi 50 anni”
Proseguono, nella Cattedrale di Pavia, gli incontri del ciclo “Chiesa e società negli ultimi 50 anni”.
Venerdì 25 maggio, alle 21, don Severino Dianich affronterà il tema “Vocazioni diverse per la missione della Chiesa nel mondo”: a presentarlo sarà don Alberto Lolli, rettore del Collegio Borromeo.


Visita al Sacro Monte di Varallo Sesia
Il Gruppo della Terza Età dell’Azione Cattolica di Pavia organizza, per
martedì 29 maggio, una visita al Sacro Monte di Varallo Sesia, luogo di devozione e cultura. Iscrizioni entro il 19 maggio contattando Giovanna Ghelfi Rossella (0382/573662 – 339/3290707 – ghelfigio@libero.it) e consegnando una caparra di 25 euro alla sala Magani della parrocchia di San Francesco nei giorni di martedì 15 e 22 maggio dalle 16 alle 17. Il viaggio sarà effettuato al raggiungimento di almeno 28 partecipanti.


Ritiro spirituale per il clero
Giovedì 31 maggio è in programma il ritiro spirituale per il clero pavese. L’appuntamento è in programma alle 9.45 alla basilica della Certosa di Pavia: il predicatore sarà Mons. Vescovo Corrado Sanguineti. E’ previsto anche il pranzo all’oratorio di Certosa: va comunicata prima la presenza all’ufficio pastorale della Curia.


Il mandato agli animatori del Grest
Si avvicina la stagione dei Grest negli oratori della Diocesi di Pavia.
Sabato 2 giugno, alle 18.30 in Cattedrale, il Vescovo Corrado Sanguineti conferirà il mandato agli animatori dei Grest. Il titolo del Grest di quest’anno sarà “AllOpera”: è l’invito che il Signore rivolge a ciascuno di noi.


Riunione plenaria della Caritas diocesana
Lunedì 4 giugno, alle 21 nella chiesa del Sacro Cuore di Pavia, si terrà la riunione plenaria della Caritas diocesana. Interverranno il Vescovo Corrado Sanguineti, don Carluccio Rossetti e don Dario Crotti, direttore della Caritas. L’appuntamento rientra nel ciclo “L’incontro con l’altro”: formazione per volontari e operatori Caritas.


Pellegrinaggio diocesano delle famiglie
Sabato 9 giugno p.v. si terrà un Pellegrinaggio diocesano al Santuario della Madonna della Fonte di Caravaggio. Sarà guidato dal Vescovo che presiederà l'Eucarestia alle ore 11. Sono invitate in modo particolare le famiglie.


“Cantieri della solidarietà”, l’estate con la Caritas
La Caritas di Pavia, guidata da don Dario Crotti, propone anche per la prossima estate il progetto dei “Cantieri della solidarietà”: esperienze di incontro, conoscenza e servizio per i giovani dai 18 ai 30 anni. Sono due le proposte per l’estate 2018.
La prima, in ordine di tempo, riguarda il “
Percorso giovani e carcere”, in programma il 28 e 29 giugno e il 1 luglio (con iscrizione entro il 31 maggio). Caritas e servizio diocesano della Pastorale giovanile propongono un percorso di incontro, conoscenza e condivisione con alcuni detenuti della casa circondariale di “Torre del Gallo” a Pavia. I giovani, attraverso il personale che vi opera, verranno coinvolti nelle seguenti attività: giovedì 28 giugno (dalle 9 alle 16) conoscenza della realtà del carcere, con incontro di alcuni detenuti e laboratori nel pomeriggio; venerdì 29 giugno (dalle 9.00 alle 12.30) incontro formativo; domenica 1 luglio (dalle 9.00 alle 11.00) S. Messa per giovani e detenuti.
L’altra proposta è “
Missione Scampia”, in programma dal 16 al 22 agosto (con iscrizione entro il 30 giugno). Nel quartiere di Napoli, che viene percepito solitamente come espressione di disagio sociale, i giovani che desiderano partecipare a questa esperienza saranno accolti e accompagnati dalla comunità dei Padri Gesuiti che operano presso il “Centro Hurtado” nelle seguenti attività: conoscenza del quartiere; animazione con minori e giovani; momenti di preghiera e riflessione con varie realtà educative presenti sul territorio di Scampia.
Per entrambe le esperienze sono previsti incontri di preparazione (con iscrizione obbligatoria). Per informazioni e iscrizioni scrivere una mail a
segreteria@caritaspavia.it o telefonare alla Caritas diocesana (tel. 331/6836459).


Nella chiesa di S.Luca la S.Messa in latino
La Santa Messa “nella forma straordinaria del rito romano” (rito antico, in latino) si celebra attualmente nella chiesa di San Luca, in corso Garibaldi 59 a Pavia, ogni domenica e festa di precetto alle ore 9,30. Per informazioni:
missa.papiensis@gmail.com


AGENDA DEL VESCOVO Venerdì 25 Maggio
10.30 Incontro Vicari
21.00 Pellegrinaggio del Vicariato 3 alla Certosa

Sabato 26 Maggio
10.30 S. Messa a S. Maria di Caravaggio
16.30 Cresime a S. Leonardo
18.00 Cresime a Certosa
21.00 Vespro e Processione a S. Maria di Caravaggio

Domenica 27 Maggio
10.30 Cresime a S. Maria del Carmine
15.00 Cresime a Vidigulfo (1 turno)
17.00 Cresime a Vidigulfo (2 turno)

Martedì 29 Maggio
Mattino Udienze

Mercoledì 30 Maggio
Mattino Udienze
20.30 S. Messa presso l’Istituto Canossiane di c.so Garibaldi

Giovedì 31 Maggio
9.45 Ritiro Spirituale del Clero presso la Certosa
20.45 S. Rosario presso la comunità dei Sinti in p.le Europa



Sul numero de "il Ticino" nelle parrocchie della Diocesi di Pavia e nelle edicole di tutta la provincia da venerdì
25 maggio, il titolo della copertina è "Il 'debutto' di Mino Milani su 'il Ticino'. A soli 18 anni, nel 1946, il suo primo racconto pubblicato dal settimanale".
L'editoriale, firmato dal direttore Alessandro Repossi, è titolato "Il ruolo dei media cattolici".
Per la rubrica "L'opinione" parte dalla prima pagina il commento firmato da Elena Maga, segretario generale della Cisl di Pavia-Lodi, dal titolo "I precari nella scuola".
La "rivolta" delle maestre delle scuole materne e degli asili nido del Comune di Pavia.
Diocesi: il Vescovo Corrado Sanguineti ha nominato don Luigi Pedrini provicario.
Le celebrazioni della Pentecoste e delle Ss. Spine presiedute dal Vescovo Corrado.
Dal 25 maggio al 2 giugno a Pavia la sagra della Madonna di Caravaggio.
Festival di Musica Sacra a Pavia: grande successo. Un trionfo il Requiem di Verdi in Duomo.
Belgioioso: l'alpinista Roberto Cravotti presenta il suo libro al Castello; avventure ed emozioni dalle sue scalate.
"Vota il tuo Volontario": trionfa Giuseppe Crescente con 59.990 punti.
Il programma del nuovo governo Lega-M5S: il parere di tre politici pavesi.
Pavia, ancora rotto il forno crematorio del Cimitero.
I progetti dell' "Associazione Genitori Dosso Verde".
Completano questo numero de "il Ticino" altre notizie dalle comunità parrocchiali della Diocesi di Pavia, l'attualità, gli appuntamenti, la pagina dedicata a Papa Francesco, quella della sanità e la pagina dei servizi utili.


Lupi e agnelli è un’interessante analisi sulle società capitaliste di Francesco Vigliarolo, trasferitosi dall'Italia in
Argentina per studiare le risposte socio-economiche alle crisi finanziarie del paese sudamericano. Nel saggio il docente di Economia regionale all'Università Cattolica di La Plata “si propone di affrontare una critica alle società contemporanee che dopo la caduta del Muro di Berlino sono state fagocitate dalla logica competitiva e capitalistica”.
  Nella prima parte l’economista si sofferma sui problemi e le definizioni ricordando come il crollo del comunismo “ha prodotto un vuoto sul piano della dialettica socio-cultuale in cui il capitalismo è rimasto l’unico interlocutore e cerca di espandersi in tutto il mondo attraverso il processo di globalizzazione economica” degenerato nella “ricerca di interessi personali a discapito di qualunque costruzione collettiva, influenzandone in maniera profonda anche i comportamenti e i sentimenti sociali”. Con l’intento di chiarire come si è affermato il “positivismo economico”, il docente delinea gli scenari in cui sono nate e si sono rafforzate le società competitive; ripercorre come si è giunti nell’attuale epoca finanziaria; spiega perché “nelle società capitaliste l’amore, la solidarietà, la compassione, la carità, la pietà vengono praticate e quantificate come residui di un conteggio le cui principali voci sono l’affermazione personale, la soddisfazione per i guadagni accumulati durante l’anno, le relazioni strategiche che si hanno” e in che modo le istituzioni sociali sono diventate “strumenti di affermazione personale in cui si nascondono i lupi, come dentro un gregge, aspettando le opportunità per attaccare”.
  Nella seconda parte l’autore fornisce proposte sulla democratizzazione e socializzazione dell’economia e spunti di riflessione su finanza etica, il commercio equo e solidale, le implicazioni e il rapporto tra crescita economica e sviluppo sostenibile, il capitale sociale etico e il ruolo dell’associazionismo e dei movimenti sociali. Vigliarolo afferma che “per rompere le relazioni capitaliste è sicuramente necessario costruire un altro pensiero economico che si fondi su un’altra visione della vita” e “occorre farlo anche e principalmente a partire dal concetto di sviluppo che è l’orizzonte a cui i Paesi dovrebbero tendere” perché “solo ricercando e ripartendo da un cambio radicale delle intenzioni che animano le nostre relazioni possiamo trasformare anche i sistemi economici che influenzano e alimentano le stesse relazioni sociali”. “Nelle società capitaliste, scrive nelle Conclusioni l’autore, per sopravvivere bisogna coltivare quel sano senso di sconfitta che ci permette di liberarci di quella bestia che vuole schiacciare l’altro per affermarci e umanizzare di nuovo i nostri sentimenti e le nostre relazioni, altrimenti finiremo in breve per sbranarci gli uno e gli altri” e che “la vera ricchezza di un popolo risiede nelle sue persone, quindi nel pluralismo, nell’essere, nelle nostre coscienze e nei nostri cuori capaci di includere e vedere ancora ciò che è essenziale, e non nella competizione, nel gareggiare, nell’apparire ciò che non si è per essere accettati, nell’indifferenza delle cose importanti che ci passano ogni giorno sotto il naso”.
  Nell’attuale e per molti aspetti complessa fase storica e in una società civile sempre più omologata, quella di Francesco Vigliarolo è una voce fuori dal coro il cui ascolto può essere utile e istruttivo a iniziare dalla dedica del libro perché coglie bene il senso, lo scopo e il suo lodevole intento: “a tutti coloro che sanno rinunciare agli interessi personali per far crescere la comunità di cui fanno parte”.

Francesco Vigliarolo
Lupi e agnelli
Jaca Book. Pagine 128. Euro 14.00