Sul grande web le piccole cose contano molto

giovedì 21 giugno 2018

Anno X n. 23



Venerdì 22 giugno la concelebrazione in Duomo per cinque anniversari di ordinazione
Venerdì 22 giugno, alle 18 nella Cattedrale di Pavia, si terrà la S. Messa in occasione del 50esimo di ordinazione sacerdotale di don Ernesto Maggi, don Bruno Malcovati, don Siro Mario Longhi, don Gabriele Pelosi e mons. Carlo Mario Viganò (nella foto la loro ordinazione, cinquant’anni fa, con il Vescovo Antonio Giuseppe Angioni). I cinque religiosi saranno sull’altare a fianco del Vescovo Corrado Sanguineti che presiederà una solenne concelebrazione per il loro anniversario. In preparazione a questo importante evento, si sta svolgendo il ciclo di incontri “Chiesa e società negli ultimi 50 anni”. L’ultimo appuntamento si terrà nel Duomo di Pavia venerdì 15 giugno, alle 21: don Dario Vitali (che verrà presentato dal Vescovo Corrado Sanguineti) affronterà il tema “Il nuovo profilo del ministero sacerdotale a partire dal Vaticano II”.


La Caritas per le cinque vie di Firenze
sabato 23 giugno 2018 presso la chiesa del Sacro Cuore Convegno Caritas diocesana di Pavia
Programma:
ore 9.00 accoglienza
ore 9.15 momento di preghiera presieduta da Mons. Sanguineti
ore 9.30 intervento di don Giorgio Borroni
ore 10.30 coffee break
ore 11.00 ripresa e interventi di: Croce Rossa Italiana - Casa del Giovane - Comunità Sant'Egidio - Suore pianzoline - Housing Caritas
ore 12.30 conclusione


Olimpiadi degli animatori
Dal 22 al 24 giugno sono in programma le Olimpiadi degli animatori dei Grest della Diocesi di Pavia. Le specialità previste sono atletica (al campo Coni), nuoto (al Campus Aquae), tennis (all’oratorio Mirabello), basket (agli oratori di San Mauro e S. Maria di Caravaggio) e pallavolo (al PalaRavizza). Il programma prevede venerdì 22 giugno, alle 21, la cerimonia di apertura in Piazza Duomo a Pavia. Sabato 23 giugno, dalle 9.30 alle 19, si disputeranno le gare eliminatorie; domenica 24, dalle 9.30 gare finali e, a seguire, la S. Messa di chiusura in Cattedrale con le premiazioni.


S. Messa in lingua spagnola
Domenica 24 Giugno alle ore 15.15 presso la Cattedrale  si terrà la S. Messa in lingua spagnola per la comunità latinoamericana di Pavia.


L’anniversario per la posa della prima pietra del Duomo di Pavia
Venerdì 29 giugno ricorrerà il 530esimo anniversario della posa della prima pietra della Cattedrale di Pavia, avvenuta il 29 giugno del 1488. In occasione di questa importante ricorrenza, alle 19.00 in Duomo il Vescovo Corrado Sanguineti presiederà la S. Messa; a conclusione della solenne celebrazione, i rappresentanti delle “corporazioni dei mestieri” (artigiani e mercanti) porteranno i ceri all’altare di San Siro. Sabato 30 giugno, alle 15.30, è in programma una visita guidata al modello ligneo del Duomo, ospitato nei Musei Civici; la visita verrà ripetuta domenica 1 luglio, alle 11, con l’intervento della professoressa Monica Visioli dell’Università di Pavia. Sul prossimo numero de “il Ticino”, nelle parrocchie e nelle edicole da venerdì 29 giugno, pubblicheremo uno speciale su questo importante anniversario.


“Camminando sulla Via Francigena” e l’incontro di agosto con Papa Francesco
Il Servizio per la pastorale giovanile e per l’oratorio della Diocesi di Pavia organizza la partecipazione ai due grandi appuntamenti di questa estate in occasione del Sinodo dei Giovani che si terrà in ottobre.
Dal 7 al 10 agosto i ragazzi potranno partecipare all’evento “X mille strade. Camminando sulla Via Francigena”: 75 km a piedi da Fidenza al Passo della Cisa. Successivamente si potrà raggiungere in pullman Roma per l’incontro dei giovani italiani con Papa Francesco, dal 10 al 12 agosto. L’invito è rivolto ad adolescenti e giovani dai 16 ai 30 anni. E’ possibile iscriversi online entro il 20 giugno sul sito www.pastoralegiovanilepavia.com


AGENDA DEL VESCOVO
Sabato 23 Giugno
9.00 Convegno Caritas

Domenica 24 Giugno
19.00 S. Messa e conclusione Olimpiadi Animatori

Lunedì 25 Giugno
9.30 Visita Grest di Linarolo

Martedì 26 Giugno
Mattino Udienze
13.00 Commissione Episcopale della Facoltà Teologica a Milano

Mercoledì 27 Giugno
9.30: visita Grest di Vidigulfo
11.00 Incontro Grest del Vicariato 1 zona Ovest

Giovedì 28 Giugno
10.30 Incontro Grest del Vicariato 4
18.00 Incontro con i Catechisti di Corteolona e UP

Venerdì 29 Giugno
9.30 Visita Grest di Gerenzago
19.00 S. Messa in Cattedrale per i 530 anni dalla posa della prima pietra

Sabato 30 Giugno
Mattino Udienze
17.00 S. Messa in Cattedrale
18.30 Benedizione e inaugurazione di “Villa Maria”
21.30 Premiazione del Torneo degli Oratori


Sul numero de "il Ticino" nelle parrocchie della Diocesi di Pavia e nelle edicole di tutta la provincia da venerdì
22 giugno, il titolo della prima pagina è "Seminario di Pavia, la Madonna riappare in un affresco. Nelle volte del refettorio di Teodote avviato il restauro del prezioso dipinto".
L'editoriale, firmato dal direttore Alessandro Repossi, è titolato "L'estate felice dei nostri oratori": un commento che prende spunto dalla stagione dei Grest, appena iniziata. Diverse pagine di questo numero del settimanale sono dedicate al viaggio nei Grest della Diocesi: servizi e foto dagli oratori di San Francesco, Trivolzio, S.Pietro/S.Carlo, S.Alessandro e Don Orione.
Pavia, più speranze per i trapianti di rene al San Matteo grazie a una nuova tecnica.
Un nuovo sacerdote per la Diocesi di Pavia: in Duomo è stato ordinato don Lorenzo Mancini.
La Festa dello Sportivo 2018 del Csi di Pavia. Tutti i premiati dell'annata.
Pavia capitale dei fanghi di depurazione: la realtà emersa da un convegno di Confindustria.
"Tutto il buono dell'agricoltura": a Torre d'Isola si è svolta l'assemblea provinciale di Coldiretti Pavia.
Per la rubrica "L'opinione" dalla prima pagina parte il commento di Alessandro Cattaneo, deputato pavese di Forza Italia, dal titolo "Cattaneo propone in Parlamento uno shock fiscale".
Calcio, Torneo Oratori: venerdì 22 giugno le semifinali. Cronache e immagini delle partite.
Completano questo numero de "il Ticino" altre notizie dalle comunità parrocchiali della Diocesi di Pavia, l'attualità, gli appuntamenti, la pagina dedicata a Papa Francesco, quella della sanità e la pagina dei servizi utili.   

vita e i libri”. Lo scrittore peruviano ha parlato di letteratura (“solo la buona letteratura ci permette di progredire fin dall'età della pietra, di vincere la paura, di superare la limitatezza degli esseri umani”), di scrittori (“sono coloro che ci permettono di avere esperienze - relative a ieri, a oggi e a domani - che nella vita reale non avremmo”), di romanzi (“ci fanno rendere conto che le vite inventate sono più ricche e profonde di quelle reali”) e dell’importanza di leggere buoni libri. Quanto auspicato dal premio Nobel per la Letteratura, mi offre lo spunto per segnalare un libro che fa buona eco al suo intervento: Vite che sono la tua. Nel volume pubblicato da Laterza, Paolo Di Paolo propone un personale e appassionato viaggio ne “il bello dei romanzi”.
  Romanzo dopo romanzo (soffermandosi dettagliatamente su ventisette ed evocandone una settantina) e di pari passo con gli anni della sua vita da lettore, lo scrittore ripercorre le tappe formative della propria esistenza rilevando che, grazie ai libri, “i pregiudizi ricevevano colpi mortali” e “lo spazio davanti agli occhi si allargava incredibilmente, caricandosi di possibilità” anche se “talvolta, anzi molto spesso, i romanzi gli fornivano «istruzioni per l’uso» sbagliate, a rovescio, impraticabili”. Parlando de Le avventure di Tom Sawyer, l’autore svela la chiave di lettura e il leitmotiv di queste sue riflessioni: “Nel romanzo di Twain, così come nelle mie giornate di ragazzino decenne, non accadeva molto di più. Ma il bello era questo: ritrovare in una storia altrui la mia, vedere fissati su carta i minuti, le ore e ciò che li riempiva – piccole e stupefacenti scoperte, incontri anche solo immaginari, o potenziali”, rilevando che “il tema più astratto e più autentico di queste narrazioni formative è, in sostanza, lo stupore di stare al mondo, la meraviglia di essere vivi”.
  Con l’intento di far percepire la bontà di questo percorso letterario, cito alcuni passaggi. In Ridere nella tragedia, Di Paolo annota che leggere il Diario di Anna Frank “significa assistere al piccolo prodigio della nascita di uno scrittore”, mentre in Tonio Kröger di Thomas Mann “ha trovato tradotto in parole l’inspiegabile necessità di ogni vocazione”. Parlando de L’educazione sentimentale di Gustave Flaubert, l’autore fa notare come lo scrittore francese “riesce a descrivere con precisione disarmante che cosa vuol dire vedere il mondo attraverso la febbre dei propri desideri” e in Tifone si può apprezzare “l’esemplare ed ellittica asciuttezza di Conrad, riflessa nel suo inglese trasparente, è impermeabile all’enfasi”. Riguardo a Sostiene Pereira di Antonio Tabucchi, Di Paolo afferma che è un romanzo che si può leggere “anche come un’emozionante meditazione narrativa sulle occasioni per sentirsi vivi e vivi fino in fondo”; invece in Verso Occidente l’Impero dirige il suo corso di David Foster Wallace emerge come “la scrittura, la letteratura possono farci sentire più umani, eliminare quel senso di solitudine che ci assedia, metterci in comunicazione con altre coscienze in cui specchiare la nostra”. Paolo di Paolo considera Camus uno dei pochi “scrittori novecenteschi da cui è possibile – letteralmente – imparare qualcosa: e impararlo umanamente”, mentre dalle opere di Fenoglio ha appreso “che una vita, qualunque vita, è infinitamente più ampia e complessa degli schemi che costruiamo per riassumerla”.
  Vite che sono la tua è lo scrigno contenente il “canone affettivo” dei libri amati dall’autore che gli hanno permesso di conoscere “la sorpresa del crescere, le sfide, la scoperta del desiderio, l’amore, le ambizioni, le illusioni – magari perdute; la voglia di andare lontano o di tornare a casa; la paura di invecchiare e tutte le paure, ma anche tutte le speranze”; grazie alla loro «magia» ha potuto “vivere più vite, non solo la sua”. Proprio come scriveva il compianto Umberto Eco: “Chi non legge, a settant’anni avrà vissuto una sola vita: la propria! Chi legge, avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è un’immortalità all'indietro”.

Paolo Di Paolo
Vite che sono la tua
Laterza. Pagine 216. Euro 16,00

giovedì 14 giugno 2018

Anno X n. 22



“Chiesa e società negli ultimi 50 anni”
Venerdì 15 giugno, alle 21 in Cattedrale, si terrà l’ultimo incontro del ciclo “Chiesa e società negli ultimi 50 anni”, organizzato dalla Scuola della Cattedrale come percorso di preparazione all’anniversario del cinquantesimo di ordinazione per cinque sacerdoti della nostra Diocesi. Nell’ultimo appuntamento don Dario Vitali parlerà de “Il nuovo profilo del ministero sacerdotale a partire dal Vaticano II”: a presentarlo sarà il Vescovo Corrado Sanguineti.


L’ordinazione presbiterale di don Lorenzo Mancini
Sabato 16 giugno, alle 10 nella Cattedrale di Pavia, sarà ordinato sacerdote don Lorenzo Mancini, per la preghiera consacratoria e l’imposizione delle mani del Vescovo di Pavia, Mons. Corrado Sanguineti. Il giorno dopo, domenica 17 giugno alle 10.30, don Lorenzo presiederà la sua prima S. Messa nella chiesa di S. Maria del Carmine a Pavia.


Il direttore della Fondazione Migrantes a Pavia
Sabato 16 e domenica 17 giugno sarà presente alla comunità Sinti di Piazzale Europa 8 a Pavia don Giovanni De Robertis, nuovo direttore generale della Fondazione Migrantes, in visita pastorale per conoscere la realtà pavese di una Chiesa che da 30 anni è presente con operatori pastorali, sacerdoti, religiosi e laici. Domenica 17 sarà presente anche il Vescovo Corrado Sanguineti che (insieme a don Giovanni, don Massimo e frate Franco) amministrerà la prima Comunione e il Sacramento della Confermazione ad alcuni ragazzi della comunità. Al termine è previsto un momento di festa.


Venerdì 22 giugno la concelebrazione in Duomo per cinque anniversari di ordinazione
Venerdì 22 giugno, alle 18 nella Cattedrale di Pavia, si terrà la S. Messa in occasione del 50esimo di ordinazione sacerdotale di don Ernesto Maggi, don Bruno Malcovati, don Siro Mario Longhi, don Gabriele Pelosi e mons. Carlo Mario Viganò (nella foto la loro ordinazione, cinquant’anni fa, con il Vescovo Antonio Giuseppe Angioni). I cinque religiosi saranno sull’altare a fianco del Vescovo Corrado Sanguineti che presiederà una solenne concelebrazione per il loro anniversario. In preparazione a questo importante evento, si sta svolgendo il ciclo di incontri “Chiesa e società negli ultimi 50 anni”. L’ultimo appuntamento si terrà nel Duomo di Pavia venerdì 15 giugno, alle 21: don Dario Vitali (che verrà presentato dal Vescovo Corrado Sanguineti) affronterà il tema “Il nuovo profilo del ministero sacerdotale a partire dal Vaticano II”.


Olimpiadi degli animatori
Dal 22 al 24 giugno sono in programma le Olimpiadi degli animatori dei Grest della Diocesi di Pavia. Le specialità previste sono atletica (al campo Coni), nuoto (al Campus Aquae), tennis (all’oratorio Mirabello), basket (agli oratori di San Mauro e S. Maria di Caravaggio) e pallavolo (al PalaRavizza). Il programma prevede venerdì 22 giugno, alle 21, la cerimonia di apertura in Piazza Duomo a Pavia. Sabato 23 giugno, dalle 9.30 alle 19, si disputeranno le gare eliminatorie; domenica 24, dalle 9.30 gare finali e, a seguire, la S. Messa di chiusura in Cattedrale con le premiazioni.


“Camminando sulla Via Francigena” e l’incontro di agosto con Papa Francesco
Il Servizio per la pastorale giovanile e per l’oratorio della Diocesi di Pavia organizza la partecipazione ai due grandi appuntamenti di questa estate in occasione del Sinodo dei Giovani che si terrà in ottobre.
Dal 7 al 10 agosto i ragazzi potranno partecipare all’evento “X mille strade. Camminando sulla Via Francigena”: 75 km a piedi da Fidenza al Passo della Cisa. Successivamente si potrà raggiungere in pullman Roma per l’incontro dei giovani italiani con Papa Francesco, dal 10 al 12 agosto. L’invito è rivolto ad adolescenti e giovani dai 16 ai 30 anni. E’ possibile iscriversi online entro il 20 giugno sul sito www.pastoralegiovanilepavia.com




AGENDA DEL VESCOVO Venerdì 15 Giugno
21.00 Conferenza di don Dario Vitali: “Il nuovo profilo del ministero presbiterale a partire dal Concilio Vaticano II”

Sabato 16 Giugno
10.00 Ordinazione Presbiterale di don Lorenzo Mancini
18.00 S. Messa in Carmine e festa della Fedeltà delle Religiose

Domenica 17 Giugno
11.00 S. Messa a Lambrinia
15.30 Cresime al Campo dei Sinti
18.00 Vespri e Processione a Mirabello

Martedì 19 Giugno
Mattino Udienze
17.00 Consiglio Diocesano per gli Affari Economici

Mercoledì 20 Giugno
11.00 Collegio Consultori
12.30 Visita Grest di San Genesio
21.00 Consulta di Pastorale Famigliare

Giovedì 21 Giugno
10.00 Commissione Regionale Beni Culturali Ecclesiastici
17.30 S. Messa a San Michele

Venerdì 22 Giugno
21.00 Accensione Fiamma Olimpica

Sul prossimo numero de "il Ticino", nelle parrocchie della Diocesi di Pavia e nelle edicole di tutta la provincia
da venerdì 15 giugno, il titolo della copertina è "La grande festa dei volontari. 'Aiutare gli altri? Uno stile di vita". Al Vescovado di Pavia la premiazione di 'Vota il tuo Volontario', il concorso de 'il Ticino' ".
A questo tema è dedicato anche l'editoriale, firmato dal direttore Alessandro Repossi, dal titolo "Il volontariato che aiuta Pavia".
Venerdì 22 giugno, nella Cattedrale di Pavia, la solenne concelebrazione presieduta dal Vescovo Corrado Sanguineti per il 50esimo di ordinazione di cinque sacerdoti: don Ernesto Maggi, don Gabriele Pelosi, don Bruno Malcovati, don Siro Mario Longhi e mons. Carlo Maria Viganò. Su "il Ticino" di questa settimana due pagine dedicate a questo importante evento, con interviste, servizi e foto d'epoca.
Viaggio nei Grest della Diocesi di Pavia: immagini e racconti dagli oratori di S. Lanfranco e del Ss. Crocifisso.
S. Maria di Caravaggio, l'oratorio "risorsa educativa".
Il rito della prima professione per suor Giulia Fiorani: accanto alla giovane pavese, nella chiesa di Rivolta d'Adda, i familiari, don Gabriele Pelosi e don Luigi Pedrini.
Pavia, 190 milioni di euro alla Maugeri per sostenere i futuri investimenti.
Pavia, gli alunni del Volta "studiano" Protezione Civile. Un loro progetto sul Lungoticino.
L'impegno di Anp Cia per i pensionati agricoli: intervista al presidente Carlo Ventrella.
Torneo Oratori di calcio: sabato 16 giugno i quarti di finale. Su "il Ticino" risultati, classifiche, cronache e immagini di tutte le partite.
Completano questo numero de "il Ticino" altre notizie dalle comunità parrocchiali della Diocesi di Pavia, l'attualità, gli appuntamenti, la pagina dedicata a Papa Francesco, quella della sanità e la pagina dei servizi utili.

Giovanni Volta è il titolo del volume curato da Gianni Andreani e Francesco Peruselli in cui sono raccolti contribuiti, interviste e documenti sulla figura e il magistero episcopale del vescovo di Pavia dal 1986 al 2003 con l’intento di non dimenticare il suo insegnamento.
  Nato a Gazoldo degli Ippoliti (MN) il 14 marzo 1928, mons. Volta è stato docente di Teologia e Rettore del Seminario di Mantova, insegnante di Teologia Fondamentale presso la Facoltà Teologica Interregionale di Milano, assistente Ecclesiastico dell'Università Cattolica di Milano e Presidente della Commissione Ecclesiale Giustizia e Pace della CEI. Nel settembre del 2004 “come un prete qualunque” ritorna al suo paese natale; muore il 4 febbraio 2012. Le Note biografiche forniscono informazioni complete sulla sua biografia e rimandano al sito www.voltavescovo.it nel quale si può apprendere molto altro su di lui.
  Nel suo intervento Gianfranco Poma rileva alcuni tratti distintivi dello stile umano (“profondamente radicato nella terra lombarda e persona di vasta cultura”), episcopale (“con grande immediatezza ha interpretato la missione del vescovo, alla luce del Concilio Vaticano II”) e del messaggio di mons. Volta (“con grande lucidità profetica, egli ha intuito che per ritrovare la propria identità occorre ritornare alle proprie radici”). Mons. Poma ricorda inoltre l’esemplare chiarezza con cui esercitava il suo magistero “proponendo a Pavia la strada per riscoprire la propria identità: essere la città di san Siro in ascolto della Parola di Dio e della povertà dei fratelli, la città dell’ascolto di Dio e dell’uomo” sollecitando “tutta la comunità civile a percorrere la vita della carità e dell’apertura verso i bisogni di tutti”.
  Gianni Andreani ripercorre gli insegnamenti di mons. Volta come Padre (“indicava le mete da conseguire, ci incoraggiava, senza tuttavia comandare”) e pastore (“invitava a essere cristiani adulti, capaci di camminare in modo autonomo, cercando sempre strade nuove per rispondere alle numerose esigenze emergenti”). Andreani evidenzia l’attualità di Educare alla legalità; rilegge nel suo insieme il messaggio che “ha voluto lasciare alla comunità cristiana, e in generale alla società pavese, con le celebrazioni in onore di san Siro”; passa in rassegna altri temi del suo magistero come il lavoro, la centralità della persona umana, i cattolici e la politica (“il cristiano che si cimenta deve avere tre doti: onestà, competenza e amore per la propria città”), la famiglia, i giovani, la pace e la convivenza tra diversi e minoranze.
  I diciannove Documenti antologizzati sono la preziosa dote del libro; nel rileggerli, come sottolinea mons. Poma, “colpisce la semplicità e la chiarezza del suo stile a servizio di un contenuto sempre elevato, teologicamente ricco e stimolante nelle analisi della realtà”. Sono riportate due lettere pastorali (la prima, In Verbo Tuo, del 1986 e La Chiesa: famiglia di Dio del 1990) e diverse omelie pronunciate durante i Vespri di san Siro e al termine della processione cittadina delle Sante Spine. Cito due frammenti. Il 9 dicembre 1989 mons. Volta affermava che “prima di essere europei, asiatici o africani, noi formiamo un unico popolo, prima di distinguerci per il colore della pelle, per le tradizioni linguistiche o culturali, noi abbiamo una comune identità, quella di persone con diritti e doveri che precedono le nostre stesse scelte, quella di persone amante da Dio nella propria singolarità, con una dignità che proviene da Dio stesso”. Il 20 maggio 1991 egli esortava “a raccogliere da questa memoria un insegnamento sulla condizione umana, sulla sofferenza e sull’ingiustizia che attraversa spesso la nostra vita, in particolare la prepotenza dei forti sui deboli”.
  Il libro di Gianni Andreani e Francesco Peruselli oltre a rendere omaggio al compianto vescovo, consente di ripercorrere in modo organico il suo magistero ancora oggi “fonte di luce e stimolo di speranza per tutti coloro che continuano ad interrogarsi sulle sorti di Pavia e sulla sua identità in questi anni di crisi”.

G. Andreani – F. Peruselli
Monsignor Giovanni Volta
Ibis. Pagine 256. Euro 12,00

giovedì 7 giugno 2018

Anno X n. 21




Giovedì 7 giugno : Ritiro Spirituale per Studenti Universitari
Ore 21.oo : “ A che serve un’ora di studio? ” Riflessioni a cura di Don Dario Salimbeni, giurista e sacerdote dell’Opus Dei
Ore 21.30 : Orazione accompagnata dalla lettura del libro “Le nude domande del Vangelo”
Ore 22.00 : “Everything that drowns me makes me wanna fly” Riflessioni su ansia e libertà a cura di Francesca Vender, psicologa e former manager
Per la durata del ritiro Don Dario sarà disponibile per colloqui personali
Saletta FUCI, Opera Bianchi, Via Menocchio 43 Pavia


chiusura dell’anno pastorale
Venerdì 8 giugno, solennità del Sacro Cuore di Gesù, alle ore 20.45 in Duomo conclusione dell’anno pastorale diocesano.


Pellegrinaggio diocesano delle famiglie
Sabato 9 giugno p.v. si terrà un Pellegrinaggio diocesano al Santuario della Madonna della Fonte di Caravaggio. Sarà guidato dal Vescovo che presiederà l'Eucarestia alle ore 11. Sono invitate in modo particolare le famiglie.


Elevazione spirituale nel Duomo di Pavia
Sabato 9 giugno, alle 21 nella Cattedrale di Pavia, si terrà un’elevazione spirituale sul tema del sacerdozio proposta dal coro lirico “Amadeus”. Accompagnate da musiche di Vivaldi, Mozart, Gounod, Verdi e Schubert, verranno proposte letture dall’Antico e dal Nuovo Testamento e dai documenti della Chiesa.


Conferenza sulla Basilica di S.Michele
La parrocchia di San Michele, a Pavia, ha organizzato per
sabato 9 giugno alle 15 la conferenza dal titolo “Sulla situazione conservativa della facciata sud”. Il relatore sarà Alessandro Cini, restauratore di Rea (Restauro e arte). Si parlerà dei restauri da effettuarsi e saranno proiettate alcune fotografie.


Don Lorenzo Mancini nuovo sacerdote della Diocesi di Pavia
Lorenzo Mancini, classe 1974, verrà ordinato presbitero nella Diocesi di Pavia
sabato 16 giugno alle 10 in Cattedrale a Pavia per la preghiera consacratoria e l'imposizione delle mani del Vescovo di Pavia Corrado Sanguineti.


Venerdì 22 giugno la concelebrazione in Duomo per cinque anniversari di ordinazione
Venerdì 22 giugno, alle 18 nella Cattedrale di Pavia, si terrà la S. Messa in occasione del 50esimo di ordinazione sacerdotale di don Ernesto Maggi, don Bruno Malcovati, don Siro Mario Longhi, don Gabriele Pelosi e mons. Carlo Mario Viganò (nella foto la loro ordinazione, cinquant’anni fa, con il Vescovo Antonio Giuseppe Angioni). I cinque religiosi saranno sull’altare a fianco del Vescovo Corrado Sanguineti che presiederà una solenne concelebrazione per il loro anniversario. In preparazione a questo importante evento, si sta svolgendo il ciclo di incontri “Chiesa e società negli ultimi 50 anni”. L’ultimo appuntamento si terrà nel Duomo di Pavia venerdì 15 giugno, alle 21: don Dario Vitali (che verrà presentato dal Vescovo Corrado Sanguineti) affronterà il tema “Il nuovo profilo del ministero sacerdotale a partire dal Vaticano II”.


Olimpiadi degli animatori
Dal 22 al 24 giugno sono in programma le Olimpiadi degli animatori dei Grest della Diocesi di Pavia. Le specialità previste sono atletica (al campo Coni), nuoto (al Campus Aquae), tennis (all’oratorio Mirabello), basket (agli oratori di San Mauro e S. Maria di Caravaggio) e pallavolo (al PalaRavizza). Il programma prevede venerdì 22 giugno, alle 21, la cerimonia di apertura in Piazza Duomo a Pavia. Sabato 23 giugno, dalle 9.30 alle 19, si disputeranno le gare eliminatorie; domenica 24, dalle 9.30 gare finali e, a seguire, la S. Messa di chiusura in Cattedrale con le premiazioni.


“Camminando sulla Via Francigena” e l’incontro di agosto con Papa Francesco
Il Servizio per la pastorale giovanile e per l’oratorio della Diocesi di Pavia organizza la partecipazione ai due grandi appuntamenti di questa estate in occasione del Sinodo dei Giovani che si terrà in ottobre.
Dal 7 al 10 agosto i ragazzi potranno partecipare all’evento “X mille strade. Camminando sulla Via Francigena”: 75 km a piedi da Fidenza al Passo della Cisa. Successivamente si potrà raggiungere in pullman Roma per l’incontro dei giovani italiani con Papa Francesco, dal 10 al 12 agosto. L’invito è rivolto ad adolescenti e giovani dai 16 ai 30 anni. E’ possibile iscriversi online entro il 20 giugno sul sito www.pastoralegiovanilepavia.com


Giornate estive chierichetti 2018
Dal 29 agosto al 1 settembre 2018 si terranno le giornate estive per i chierichetti della diocesi, ad Alassio, presso l’Istituto Salesiano Don Bosco. Nel pieghevole allegato tutte le indicazioni per partecipare all'evento. Le iscrizioni sono da far pervenire in Curia presso l’ufficio pastorale possibilmente entro il 29 giugno, con la caparra di 25 euro.


“Cantieri della solidarietà”, l’estate con la Caritas
La Caritas di Pavia, guidata da don Dario Crotti, propone anche per la prossima estate il progetto dei “Cantieri della solidarietà”: esperienze di incontro, conoscenza e servizio per i giovani dai 18 ai 30 anni. Sono due le proposte per l’estate 2018.
La prima, in ordine di tempo, riguarda il “
Percorso giovani e carcere”, in programma il 28 e 29 giugno e il 1 luglio (con iscrizione entro il 31 maggio). Caritas e servizio diocesano della Pastorale giovanile propongono un percorso di incontro, conoscenza e condivisione con alcuni detenuti della casa circondariale di “Torre del Gallo” a Pavia. I giovani, attraverso il personale che vi opera, verranno coinvolti nelle seguenti attività: giovedì 28 giugno (dalle 9 alle 16) conoscenza della realtà del carcere, con incontro di alcuni detenuti e laboratori nel pomeriggio; venerdì 29 giugno (dalle 9.00 alle 12.30) incontro formativo; domenica 1 luglio (dalle 9.00 alle 11.00) S. Messa per giovani e detenuti.
L’altra proposta è “
Missione Scampia”, in programma dal 16 al 22 agosto (con iscrizione entro il 30 giugno). Nel quartiere di Napoli, che viene percepito solitamente come espressione di disagio sociale, i giovani che desiderano partecipare a questa esperienza saranno accolti e accompagnati dalla comunità dei Padri Gesuiti che operano presso il “Centro Hurtado” nelle seguenti attività: conoscenza del quartiere; animazione con minori e giovani; momenti di preghiera e riflessione con varie realtà educative presenti sul territorio di Scampia.
Per entrambe le esperienze sono previsti incontri di preparazione (con iscrizione obbligatoria). Per informazioni e iscrizioni scrivere una mail a
segreteria@caritaspavia.it o telefonare alla Caritas diocesana (tel. 331/6836459).


Nella chiesa di S.Luca la S.Messa in latino
La Santa Messa “nella forma straordinaria del rito romano” (rito antico, in latino) si celebra attualmente nella chiesa di San Luca, in corso Garibaldi 59 a Pavia, ogni domenica e festa di precetto alle ore 9,30. Per informazioni:
missa.papiensis@gmail.com


AGENDA DEL VESCOVO Venerdì 8 Giugno
18.30 S. Messa al Sacro Cuore
21.00 Chiusura dell’Anno Pastorale

Sabato 9 Giugno
Mattino Pellegrinaggio a Caravaggio con le Famiglie
16.00 Cresima a Roncaro
18.00 Cresima a Linarolo

Domenica 10 Giugno
10.00 Cresima San Carlo
12.00 S. Messa per chiusura anno Scout
17.00 Cresima a San Pietro in Verzolo

Venerdì 15 Giugno
21.00 Conferenza di don Dario Vitali: “Il nuovo profilo del ministero presbiterale a partire dal Concilio Vaticano II”

Sabato 16 Giugno
10.00 Ordinazione Presbiterale di don Lorenzo Mancini
18.00 S. Messa in Carmine e festa della Fedeltà delle Religiose

Domenica 17 Giugno
11.00 S. Messa a Lambrinia
15.30 Cresime al Campo dei Sinti
18.00 Vespri e Processione a Mirabello



Sulla prima pagina de "il Ticino" nelle parrocchie della Diocesi di Pavia e nelle edicole di tutta la provincia da
venerdì 8 giugno, il titolo della copertina è "Ambiente, più controlli sui siti a rischio grazie al Prefetto. Il governatore lombardo Fontana elogia il modello pavese di sorveglianza sul territorio".
L'editoriale, firmato dal direttore Alessandro Repossi, è titolato "La politica a sostegno di Pavia".
Poste pavesi in tilt, l'allarme della Cisl: "A rischio l'apertura di molti uffici".
Per la rubrica "L'opinione" dalla prima pagina parte il commento di Francesco Brendolise, consigliere comunale del PD a Pavia, dal titolo "Indispensabili nuovi attori per il governo della città di Pavia".
Sabato 16 giugno, nel Duomo di Pavia alle 10, l'ordinazione sacerdotale di don Lorenzo Mancini.
Diocesi: dal 14 al 18 giugno la Sagra di San Bernardo a Mirabello. Tanti fedeli alla processione del Corpus Domini.
Commercio, l'Ascom critica il Piano urbano della mobilità a Pavia: "Ha reso più difficile l'attività dei negozi in centro".
La musica jazz risuona a Pavia fino al 23 giugno con il "Festival" del Vittadini.
Le vecchie osterie pavesi viste dal grande scrittore Mino Milani.
"Vota il tuo Volontario": sabato 9 giugno la premiazione, alle 11 alla Curia di Pavia, del concorso promosso da "il Ticino".
Torneo Oratori: risultati, classifiche, cronache delle prime quattro giornate.
Completano questo numero de "il Ticino" altre notizie dalle comunità parrocchiali della Diocesi di Pavia, l'attualità, gli appuntamenti, la pagina dedicata a Papa Francesco, quella della sanità e la pagina dei servizi utili.

dunque anche un divenire [...] le strade per incontrarla sono diverse”. È una delle considerazioni di Enzo Bianchi sulla vecchiaia e raccolte ne La vita e i giorni pubblicata da il Mulino. In questo suo viaggio nella “terra sconosciuta in cui ci inoltriamo lentamente, paese aspro da attraversare e da conquistare”, il fondatore della Comunità Monastica di Bose riflette su questa stagione della vita che “fa parte del cammino dell’esistenza” parlando delle “sue grandi ombre, le sue insidie e le sue fragilità” ma anche delle sue chances.
  Nei dieci capitoli Bianchi presenta un personale e ideale «decalogo» su “questa età che ormai vive da tempo” con l’intento di mettere a disposizione il proprio vissuto umano e spirituale affinché altri possano attingere e prepararsi a farlo. “Ho sempre cercato, per quanto mi è stato possibile, di trasmettere, scrive l’ex priore di Bose, una vita buona, bella e felice” perché “trasmettere l’arte del vivere significa legare le generazioni tra loro, creare solidarietà, traghettare da una riva all’altra e quindi da un’età all’altra quanti percorrono il cammino della vita ed è la sola maniera di essere fedeli a ciò che si è ricevuto”. Entrando nel vivo degli argomenti, l’autore parla delle Paure legate alla vecchiaia (malattia invalidante, abbandono, solitudine, sofferenza), de I segni dell'invecchiare che “ci ammoniscono, ricordandoci dove siamo inesorabilmente diretti” e “che non possiamo non tenere conto”. Un capitolo è dedicato a cosa dice la Bibbia sulla vecchiaia in cui spicca il commento a “una straordinaria e realistica pagina del libro del Qohelet (12, 1-8), che riesce a coinvolgerci con la sua qualità poetica e la precisa descrizione della vecchiaia in essa presente” perché con le sue “immagini che si susseguono incalzanti, si fanno eloquenti, giungono alla sensibilità e al cuore del lettore, mettendogli davanti agli occhi ciò che succede nell’invecchiamento, al tramonto della vita”. Lascio al lettore la scoperta delle altre tappe toccate; cito solo un inciso sul versetto 12 del salmo 90: “Insegnaci, Signore, a contare i nostri giorni e giungeremo al cuore della sapienza”. Bianchi suggerisce di “prendere coscienza durante tutta la vita, attraverso modalità e acquisizioni diverse, del proprio limite” perché “senza esperienza della finitezza, della vecchiaia, della malattia e della morte, tutte le età della vita sono danneggiate, impoverite e incapaci di maturare, per entrare in quella stagione che comunque giungerà inesorabile”.
  In questa sua appassionata «catechesi laica» Enzo Bianchi esorta a “aggiungere vita ai giorni e non giorni alla vita, ad avere il coraggio di invecchiare perché la vecchiaia è un compito e una sfida” e “a non lasciare che ci sorprenda e ci invada”. “La vecchiaia, afferma ancora Bianchi, è arte del vivere, che possiamo in larga parte costruire, a partire dalla nostra consapevolezza, dalle nostre scelte, dalla qualità della convivenza che coltiviamo insieme agli altri, mai senza gli altri, giorno dopo giorno” invitando ad affrontarla “senza nulla concedere a una malinconica nostalgia del futuro, ma anzi trovando qui l’occasione preziosa di un generoso atto di fiducia verso le nuove generazioni” perché “la vita è un dono, per il credente è donata da Dio ma per ogni essere umano è un dono che si dà e si riceve”.

Enzo Bianchi
La vita e i giorni
il Mulino. Pagine 144. Euro 13,00